I ragazzi non si lasciano imbrogliare. Rossana Campo, vincitrice del Premio Strega giovani

ross16ok

Forse è più difficile scrivere per i ragazzi che per gli adulti. I ragazzi sono più svegli, sinceri e autentici. Non puoi imbrogliarli. E se la Campo è stata apprezzata così tanto dagli adolescenti che l’hanno eletta vincitrice del Premio Strega giovani 2016 è stato perché ha avuto il coraggio di porsi quelle domande esistenziali che tra i 14 e i 18 anni ci poniamo con più insistenza. Queste questioni poi, nove volte su dieci, semplicemente passano in secondo piano. Quando finalmente arriva il momento di coricarci siamo così stanchi che l’unico nostro desiderio è smettere di pensare.

Dove troverete un padre come il mio?

Il protagonista di Dove troverete un padre come il mio (Ponte alle Grazie 2015) è un padre (il padre dell’autrice) sempre ubriaco, un carabiniere ripudiato dall’arma per subordinazione, abituato a scomparire da casa e a tornare diversi giorni dopo per picchiare la moglie, anche se poi si pente. Il racconto  di questo personaggio – e credo che sia proprio questo aspetto ad essere stato apprezzato particolarmente dai ragazzi – finisce per diventare «riflessione (anzi indagine) sul senso della vita, è una domanda su dove sta la realtà. E’ un primo passo verso il possibile recupero del reale», come ha scritto Angelo Guglielmi su «La Stampa» (29/9/2015). Poco importa se la realtà scoperta è grigia o addirittura nera: resta una rivelazione.

Profilo dell’autrice

02043001
Fotogramma del film In principio erano le mutande (1999)

Una rivelazione è stato anche il primo romanzo della Campo, uscito per Feltrinelli nel 1992 col titolo In principio erano le mutande, divenuto nel ’99 un film, girato da Ada Negri. Tantissimi sono i romanzi usciti negli anni seguenti, tra i quali figurano: Il pieno di super (Feltrinelli, 1993), Mai sentita così bene (Feltrinelli, 1995), L’attore americano (Feltrinelli, 1997), Il matrimonio di Maria (Feltrinelli, 1998), Più forte di me (Feltrinelli, 2007), Lezioni di arabo (Feltrinelli, 2010), Felice per quello che sei – Confessioni di una buddista emotiva (Mondadori, 2015), Il posto delle donne (Ponte alle Grazie, 2013), Fare l’amore (Ponte alle Grazie, 2014). Vive tra Roma e Parigi. Rossana Campo intervalla il lavoro di scrittrice a quello di pittrice.

 

Annunci

Come seguire la diretta del Premio Strega giovani

premioStrega1.jpg

Vinto l’anno scorso da Fabio Genovesi con Con chi manda le onde (Mondadori), torna il Premio Strega giovani. Promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Strega Alberti Spa, il premio quest’anno giunge alla seconda edizione, confermando imperterrito “il suo impegno per la diffusione della narrativa italiana contemporanea presso il pubblico dei giovani adulti”, come recita il sito internet dell’iniziativa. Il vincitore sarà proclamato alle 17.00 nel corso della cerimonia a Palazzo Montecitorio dalla presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini. Oltre agli autori concorrenti, saranno presenti Tullio De Mauro, presidente della Fondazione Bellonci, Giuseppe D’Avino, presidente di Strega Alberti Benevento, e Dacia Maraini, scrittrice Premio Strega 1999. L’evento sarà condotto da Loredana Lipperini, giornalista di Rai Radio 3 e scrittrice.

I 12 finalisti

I dodici autori in gara sono:

  • Eraldo Affinati, L’uomo del futuro (Mondadori)
  • Edoardo Albinati, La scuola cattolica (Rizzoli)
  • Rossana Campo, Dove troverete un altro padre come il mio (Ponte alle Grazie)
  • Luciano Funetta, Dalle rovine (Tunué)
  • Simona Lo Iacono, Le streghe di Lenzavacche (e/o)
  • Paolo Malaguti, La reliquia di Costantinopoli (Neri Pozza)
  • Giordano Meacci, Il cinghiale che uccise Liberty Valance (minimum fax)
  • Antonio Moresco, L’addio (Giunti)
  • Demetrio Paolin, Conforme alla gloria (Voland)
  • Raffaella Romagnolo, La figlia sbagliata (Frassinelli)
  • Vittorio Sermonti, Se avessero (Garzanti)
  • Elena Stancanelli, La femmina nuda (La nave di Teseo)

Sarà possibile seguire la diretta dell’evento dal seguente link: webtv.camera.it/home