Karl Ove Knausgård, quando scrivere significa lottare

Non è semplice dare un volto alla letteratura contemporanea o comunque non è semplice definire chi, in questi anni, è stato capace di fornire un contributo reale ad una realtà reale in una società letteraria reale. Distinguere gli smeraldi da quella che Jep Gambardella chiama fuffa. I nomi che squarciano il velo sono pochi. Molti si dissolvono a due mesi dall’uscita del libro. O comunque, in noi, si consumano dopo due settimane dalla lettura. Ma è meglio se questa cornice dia spazio al nome dell’autore a cui mi riferisco. Bando alle ciance e diamo gli estremi del drago in questione.

Continua a leggere “Karl Ove Knausgård, quando scrivere significa lottare”