Noi, figli della paura e del coraggio. La terra dei figli di Gipi

A novembre nascerà il figlio dei miei amichetti Emy e Marco. Avere dei figli è il modo naturale attraverso il quale l’uomo porta avanti la propria specie. Vero è che gran parte della vita dei genitori è dedicata a preservare la loro debole figliolanza tramite uno spaventoso numero di: “guarda prima di attraversare”, “allacciati le stringhe”, “mangia piano”, “non correre”, “prendi il golfino”.

Continua a leggere “Noi, figli della paura e del coraggio. La terra dei figli di Gipi”

Annunci

The wind of change. Mondadori sdogana il fumetto

A volte i grandi cambiamenti culturali si verificano quando non ce lo si aspetta, per esempio in tempi bistrattati, lutulenti e criticati come quelli attuali. Mondadori, la casa editrice che ha pubblicato colossi della letteratura come Dostoevskij e Shakespeare, sta per dare vita ad una nuova collana: Mondadori Oscar Ink, dedicata alle colonne portanti della storia del fumetto.

Continua a leggere “The wind of change. Mondadori sdogana il fumetto”

Un’umanità piccola e misera. “Il rapporto di Brodeck vol. 2” di Manu Larcenet

Lo scorso 16 marzo è uscito per Coconino press il rapporto di Brodeck vol. 2, che è un riadattamento dell’omonimo bestseller di Philippe Claudel. L’autore narra di un piccolo villaggio montano situato a confine tra Francia e Germania nell’immediato secondo dopoguerra. Uno straniero da poco trasferitosi in quel luogo viene trovato assassinato. Brodeck, un ex deportato scampato ai lager e tornato al paese, viene incaricato di fare chiarezza sul caso e di stilarne il rapporto. A questo punto la vicenda si perde in un labirinto asfittico di paure, pregiudizi, follie umane. Sopra di tutto e tutti, maestosa e ferina, una natura immensa e muta.

Continua a leggere “Un’umanità piccola e misera. “Il rapporto di Brodeck vol. 2” di Manu Larcenet”

Kurt Cobain, l’alieno che per primo ha parlato di una gioventù fragile e a disagio

Quando avevo 14 anni ero innamorata persa di Kurt Kobain. Gli ormoni adolescenziali mi impedivano di soffermarmi sul fatto che il leader dei Nirvana fosse un tossico forse maleodorante con evidenti crisi depressive ed un sacco di maglioni color vomito spelacchiati. La voce roca ed i capelli unti hanno una forza che voi umani non potete nemmeno immaginare e la maggior parte dei lettori concorderà con me. A mulatto, an Albino/A mosquito, my libido, yeah

Continua a leggere “Kurt Cobain, l’alieno che per primo ha parlato di una gioventù fragile e a disagio”