La magia delle parole. “Il libraio di Selinunte” di Roberto Vecchioni

Nicolino è stato bambino a Selinunte quando ancora la gente conosceva le parole. Ora invece non è più così. Da svariati anni, ormai, tutti gli abitanti della città si sono dimenticati il significato delle parole e con questo la capacità di esprimere qualcosa che vada oltre i bisogni basilari. Nicolino, al contrario, non ha dimenticato nulla e sa perché è successo questo, è stato il libraio, quell’omino piccolo e brutto come un folletto che un giorno era comparso dal nulla e, senza chiedere nulla, aveva aperto una libreria dove i libri
non si compravano ma si ascoltavano.

Continua a leggere “La magia delle parole. “Il libraio di Selinunte” di Roberto Vecchioni”

 Un cieco che insegna a vedere.”Moon Palace” di Paul Auster

tumblr_kxae7ndag61qzn0deo1_400 Marco Stanley “M.S.” Fogg, è orfano e come unico punto di riferimento ha zio Victor, un clarinettista che decide a un certo punto di tentare la sorte partendo per un’ultima decisiva turnè da cui non tornerà più.

Una libreria da 1492 volumi

In procinto di levare le tende, lascia al nipote i 1492 libri che compongono la sua libreria. Ma Marco rimane senza soldi e non riesce più a pagare le rette del college che è costretto a lasciare. M.S. così, dopo averli letti, è costretto a vendere i libri ereditati finché, abbandonando la speranza di continuare a occuparsi dell’affitto, nell’estate del 1969 finisce per vivere tra gli alberi di Central Park. A questo periodo Auster dedica intense pagine. Rimarrà in strada finché non sarà trovato da un suo amico di università e da Kitty Wu, un’affascinante ragazza di origini cinesi con cui M.S. si trova subito in sintonia, vincendo quel l’incredibile orgoglio che non gli aveva permesso di chiedere aiuto.

Un vecchio ceco dal carattere insopportabile

Decisivo per il protagonista e per l’intero romanzo è l’incontro con Thomas Effing, vecchio ceco dal carattere insopportabile, costretto sulla sedia a rotelle. Effiing, personaggio dall’incredibile spessore come non molti nella letteratura degli ultimi cinquant’anni, insegnerà a Marco a “vedere”, dall’alto della sua cecità.

IMG_0357

PAUL AUSTER

“Moon Palace”

Einaudi

Pagine 260, € 11.50.