Una piscina, 90 milioni di dollari e Stefano Benni

Novanta milioni di dollari è il valore più alto attribuito a un’opera d’arte appartenente a un pittore vivente. Quest’opera si chiama Portrait of an Artist (Pool with two figures) ed è stata realizzata nel 1972 dall’allora trentacinquenne David Hockney. La notizia è sulle pagine di tutti i giornali (vedi Il Post, The Guardian e Il Corriere della Serae non nascondo che è solo questo il motivo per cui ne sono a conoscenza. Non ho letto alcuna critica, né descrizione, né interpretazione del quadro, per non contaminare l’immediata, personalissima, sensazione che quel dipinto ha suscitato dentro di me. D’altronde che cos’è, se non questo, l’arte contemporanea? Che cos’è se non interpretazioni, sinestesie, scambi di sensazioni tra noi, l’arte e l’artista?

Continua a leggere “Una piscina, 90 milioni di dollari e Stefano Benni”

Annunci