Il cuore nero di Milano non luccica come la Madonnina nella notte

Non so voi, ma io da un romanzo pretendo una storia che mi appassioni, scritta in un linguaggio autentico, ricca di informazioni che non possiedo. E, soprattutto, ore di immersione totale. Bene, Gianluca Ferraris con “Shaboo” (Novecento editore) è riuscito a darmi tutto questo.

Continua a leggere “Il cuore nero di Milano non luccica come la Madonnina nella notte”

Annunci

La vita segreta di una laureata italiana (in cerca di lavoro)

Il primo curriculum che ho scritto era così caotico e straripante di informazioni che penso nessuno lo abbia letto. Come molti, a qualche mese dalla laurea, ho iniziato a cercare lavoro. Inizialmente mi sono iscritta a tutti i siti di ricerca e reclutamento possibili, in modo tale che ogni giorno mi arrivassero almeno trenta mail tra Monster, Indeed et similia. Non mi è ancora ben chiaro perché mi inviassero proposte di lavoro come fresatore. Mi sono anche iscritta a Linkedin e ci ho solo guadagnato un vispo cinquantenne, mai visto nella vita reale, che ogni tanto mi scrive “ei come va????? Relax????”

Continua a leggere “La vita segreta di una laureata italiana (in cerca di lavoro)”

Siamo tutti fottuti

Quando qualche amico compie gli anni, sono solita dire: -Alla tua età Alessandro Magno aveva un impero che si estendeva dalla Macedonia all’India. A tale affermazione di solito seguono risate deboli e finte perché è una battuta pessima. Ultimamente, però, questa impareggiabile gag sta iniziando a crearmi disagio perché ho 25 anni e c’è poco da ridere. Ero sicura che diventare adulta sarebbe stato fantastico, invece sto annaspando in un guazzabuglio di ansie, dubbi ed incertezze. E mentre boccheggio, vedo che tanti miei coetanei faticano a stare a galla.

Continua a leggere “Siamo tutti fottuti”

Una generazione buttata nel cesso?

I millennial sono le persone nate tra il 1980 e il 2000, la generazione 1.5.  Nasce una rubrica che, senza pretese di assolutismo o serietà, prova a raccontare cosa vuol dire avere venti o trent’anni oggi. Avete presente la disoccupazione, gli stage a 400 euro al mese, l’ansia, i soldi che sono sempre pochi, il futuro che forse non esiste più? Bene, allora siete sul pezzo.

Continua a leggere “Una generazione buttata nel cesso?”

Marcello Fois, “I libri devono creare problemi”

“Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro. Ogni famiglia infelice è infelice a modo suo”, recita una celeberrima frase di Lev Tolstoj, e questo lo sa bene Marcello Fois, che da anni indaga i nuclei familiari nei suoi romanzi. Ne studia le dinamiche, i ruoli, le responsabilità, gli stravolgimenti e le costanti. Al Festival della Mente ci ha parlato della famiglia e del suo ultimo romanzo, “Del dirsi addio” (Einaudi 2017), dove racconta la storia di Sergio, poliziotto omosessuale, determinato e fragile, di suo padre Pietro e del caso di un bambino di undici anni scomparso – sì, perché questo libro è anche un noir.

Continua a leggere “Marcello Fois, “I libri devono creare problemi””