Quella strada che non avevamo neppure preso in considerazione

Siamo cresciuti sognando di diventare eroi, persone giuste, amate e capaci di grandi cose. Siamo cresciuti pensando che tutto sarebbe stato alla nostra portata, che con l’adeguata dose di sudore avremmo potuto conquistare il mondo. Poi, quando siamo cresciuti veramente, ci siamo resi conto che di quel castello non restavano altro che macerie, qualche mattone (relitto di un’antica società ormai estinta), una colata di cemento qua e là, i perimetri di case abbandonate.

Continua a leggere “Quella strada che non avevamo neppure preso in considerazione”

Annunci

Senza eroi non sappiamo quanto lontano possiamo andare

Senza eroi, siamo tutti gente ordinaria, e non sappiamo quanto lontano possiamo andare, scrisse una volta Bernard Malamud. Ed è proprio a questo che penso incamminandomi verso BASE. Sceso dall’autobus ho chiuso Il processo di Kafka, e senza rendermene conto mi ritrovo a immaginare K. chiedere a Dylan di investigare sul processo che lo vede protagonista.

Continua a leggere “Senza eroi non sappiamo quanto lontano possiamo andare”

Una battaglia senza vincitori. “Residenza Arcadia” di Daniel Cuello

Quando mio nonno è morto, la prima cosa che sua sorella ha detto è stata: “Io ora resto sola”. Era un giovedì di novembre e stavo facendo i compiti di matematica. Rimasi sorpresa dal fatto che la sorella del morto fosse più dispiaciuta per se stessa che per il fratello, ma il tempo passa e la conclusione dell’adolescenza ti fa comprendere meccanismi che solo pochi anni prima avresti ritenuto incomprensibili. Mi intristiscono la tristezza bieca e la rassegnazione maligna che la vecchiaia si porta appresso, quel terrore che ti assale all’improvviso dai sessant’anni circa, e ti spinge verso l’abisso. Invecchiare è come precipitare in un burrone e cercare, mentre ti si infila la terra sudicia sotto le unghie, di trovare un qualsiasi appiglio che ti faccia dire: “Non ho vissuto invano”. E di tutto questo disperato affanno, di questo terrore viscerale, non resta che un tonfo ed un corpo vizzo in fondo ad un crepaccio.

Continua a leggere “Una battaglia senza vincitori. “Residenza Arcadia” di Daniel Cuello”

Noi, figli della paura e del coraggio. La terra dei figli di Gipi

A novembre nascerà il figlio dei miei amichetti Emy e Marco. Avere dei figli è il modo naturale attraverso il quale l’uomo porta avanti la propria specie. Vero è che gran parte della vita dei genitori è dedicata a preservare la loro debole figliolanza tramite uno spaventoso numero di: “guarda prima di attraversare”, “allacciati le stringhe”, “mangia piano”, “non correre”, “prendi il golfino”.

Continua a leggere “Noi, figli della paura e del coraggio. La terra dei figli di Gipi”

The wind of change. Mondadori sdogana il fumetto

A volte i grandi cambiamenti culturali si verificano quando non ce lo si aspetta, per esempio in tempi bistrattati, lutulenti e criticati come quelli attuali. Mondadori, la casa editrice che ha pubblicato colossi della letteratura come Dostoevskij e Shakespeare, sta per dare vita ad una nuova collana: Mondadori Oscar Ink, dedicata alle colonne portanti della storia del fumetto.

Continua a leggere “The wind of change. Mondadori sdogana il fumetto”