Una battaglia senza vincitori. “Residenza Arcadia” di Daniel Cuello

Quando mio nonno è morto, la prima cosa che sua sorella ha detto è stata: “Io ora resto sola”. Era un giovedì di novembre e stavo facendo i compiti di matematica. Rimasi sorpresa dal fatto che la sorella del morto fosse più dispiaciuta per se stessa che per il fratello, ma il tempo passa e la conclusione dell’adolescenza ti fa comprendere meccanismi che solo pochi anni prima avresti ritenuto incomprensibili. Mi intristiscono la tristezza bieca e la rassegnazione maligna che la vecchiaia si porta appresso, quel terrore che ti assale all’improvviso dai sessant’anni circa, e ti spinge verso l’abisso. Invecchiare è come precipitare in un burrone e cercare, mentre ti si infila la terra sudicia sotto le unghie, di trovare un qualsiasi appiglio che ti faccia dire: “Non ho vissuto invano”. E di tutto questo disperato affanno, di questo terrore viscerale, non resta che un tonfo ed un corpo vizzo in fondo ad un crepaccio.

Continua a leggere “Una battaglia senza vincitori. “Residenza Arcadia” di Daniel Cuello”

Annunci

Noi, figli della paura e del coraggio. La terra dei figli di Gipi

A novembre nascerà il figlio dei miei amichetti Emy e Marco. Avere dei figli è il modo naturale attraverso il quale l’uomo porta avanti la propria specie. Vero è che gran parte della vita dei genitori è dedicata a preservare la loro debole figliolanza tramite uno spaventoso numero di: “guarda prima di attraversare”, “allacciati le stringhe”, “mangia piano”, “non correre”, “prendi il golfino”.

Continua a leggere “Noi, figli della paura e del coraggio. La terra dei figli di Gipi”

The wind of change. Mondadori sdogana il fumetto

A volte i grandi cambiamenti culturali si verificano quando non ce lo si aspetta, per esempio in tempi bistrattati, lutulenti e criticati come quelli attuali. Mondadori, la casa editrice che ha pubblicato colossi della letteratura come Dostoevskij e Shakespeare, sta per dare vita ad una nuova collana: Mondadori Oscar Ink, dedicata alle colonne portanti della storia del fumetto.

Continua a leggere “The wind of change. Mondadori sdogana il fumetto”

Un’umanità piccola e misera. “Il rapporto di Brodeck vol. 2” di Manu Larcenet

Lo scorso 16 marzo è uscito per Coconino press il rapporto di Brodeck vol. 2, che è un riadattamento dell’omonimo bestseller di Philippe Claudel. L’autore narra di un piccolo villaggio montano situato a confine tra Francia e Germania nell’immediato secondo dopoguerra. Uno straniero da poco trasferitosi in quel luogo viene trovato assassinato. Brodeck, un ex deportato scampato ai lager e tornato al paese, viene incaricato di fare chiarezza sul caso e di stilarne il rapporto. A questo punto la vicenda si perde in un labirinto asfittico di paure, pregiudizi, follie umane. Sopra di tutto e tutti, maestosa e ferina, una natura immensa e muta.

Continua a leggere “Un’umanità piccola e misera. “Il rapporto di Brodeck vol. 2” di Manu Larcenet”

L’estetica del Giappone, terra di fascino

Tra fiere, scambi e acquisti mi sono capitati tra le mani tre libri particolarmente belli e interessanti ambientati in quel Paese lontano che prima o poi dovrò visitare: il richiamo sta diventando forte e, grazie alle ultime letture, mi sono convinta che il Giappone mi vedrà sua ospite in futuro. Continua a leggere “L’estetica del Giappone, terra di fascino”