Una piscina, 90 milioni di dollari e Stefano Benni

Novanta milioni di dollari è il valore più alto attribuito a un’opera d’arte appartenente a un pittore vivente. Quest’opera si chiama Portrait of an Artist (Pool with two figures) ed è stata realizzata nel 1972 dall’allora trentacinquenne David Hockney. La notizia è sulle pagine di tutti i giornali (vedi Il Post, The Guardian e Il Corriere della Serae non nascondo che è solo questo il motivo per cui ne sono a conoscenza. Non ho letto alcuna critica, né descrizione, né interpretazione del quadro, per non contaminare l’immediata, personalissima, sensazione che quel dipinto ha suscitato dentro di me. D’altronde che cos’è, se non questo, l’arte contemporanea? Che cos’è se non interpretazioni, sinestesie, scambi di sensazioni tra noi, l’arte e l’artista?

Continua a leggere “Una piscina, 90 milioni di dollari e Stefano Benni”

Annunci

Comunità strappate, comunità alternative

SARZANA – Mentre il mondo si parcellizza, si fraziona, e a volte si sgretola, a Sarzana, alla quindicesima edizione del Festival della mente, si parla di comunità. Ma cosa significa oggi comunità? Questo è quello che si è chiesta Benedetta Marietti, la direttrice del Festival, che ha costruito il programma di questa edizione con l’obiettivo di fornire, attraverso gli eterogenei punti di vista dei relatori chiamati a parlare, strumenti nuovi per capire il presente e la realtà che ci circonda.

Continua a leggere “Comunità strappate, comunità alternative”

Alla ricerca dei capolavori sommersi. L’operazione epica di Laurana Reloaded

In fin dei conti, è sempre una questione di tempo. Un amore che sarebbe potuto essere e non è stato, una storia venuta troppo presto o troppo tardi, una dilazione non concessa, un incontro mancato per pochi secondi. Un libro, per esempio, si trova a fronteggiare quotidianamente la sua personalissima sfida contro il tempo, quel tempo che lo vuole relegare in un magazzino sepolto dalla polvere e nell’oblio più profondo. Pochi sono quei libri che riescono a sopravvivere. Per la maggior parte finiscono sommersi sotto centinaia di metri cubi di indifferenza, dove nuotare, anche per i più esperti, è cosa alquanto ardua.

Continua a leggere “Alla ricerca dei capolavori sommersi. L’operazione epica di Laurana Reloaded”

Visione, sogno, fantasia. Torna il Festival della comunicazione di Camogli

Prendete l’agenda in mano, andate al mese di settembre e cancellate i giorni che vanno da giovedì 6 a domenica 9. Avvisate la babysitter, la fidanzata, chiamate gli amici a cui affidate il cane quando dovete partire in aereo – perché se viaggiate in macchina ve lo portate anche in Norvegia -, avvisate al lavoro e i compagni di calcetto, il personal trainer e il pizzaiolo che ogni venerdì sera vi aspetta con la tavola apparecchiata e pronta da mettere in forno la solita pizza che prendete almeno dal 2005. Dal 6 al 9 settembre sarete a Camogli, l’unico festival della comunicazione d’Italia e, fra tutti, il più visionario. Accompagnato nella sua fondazione dal compianto Umberto Eco,  quest’anno avrà come filo conduttore le visioni.

Continua a leggere “Visione, sogno, fantasia. Torna il Festival della comunicazione di Camogli”

Quella strada che non avevamo neppure preso in considerazione

Siamo cresciuti sognando di diventare eroi, persone giuste, amate e capaci di grandi cose. Siamo cresciuti pensando che tutto sarebbe stato alla nostra portata, che con l’adeguata dose di sudore avremmo potuto conquistare il mondo. Poi, quando siamo cresciuti veramente, ci siamo resi conto che di quel castello non restavano altro che macerie, qualche mattone (relitto di un’antica società ormai estinta), una colata di cemento qua e là, i perimetri di case abbandonate.

Continua a leggere “Quella strada che non avevamo neppure preso in considerazione”