WUBBA LUBBA DUB DUB. La genialità di Rick e Morty

L’unico evento che renderà l’estate vagamente tollerabile è l’uscita della terza stagione di “Rick e Morty” il 30 luglio. “Rick e Morty” nasce per caso, o meglio, esordisce come una parodia animata di “Ritorno al futuro” per il festival dei cortometraggi di Channel 101. L’episodio registrò un successo tale da diventare una serie acclamata dalla critica, amata dal pubblico e ormai prossima alla terza stagione. È un prodotto d’intrattenimento che è stato definito grandioso e disturbante al tempo stesso.

Continue reading “WUBBA LUBBA DUB DUB. La genialità di Rick e Morty”

Annunci

Caproni, capre e amarezza

Ne hanno parlato tutti: è uscito Caproni in prima prova alla maturità e nessuno se lo sarebbe mai aspettato per una serie di motivi tra i quali il più scontato è che questo autore usualmente non si studia a scuola. In un mondo scolastico in cui tutta la storia della letteratura viene compressa, mutilata e banalizzata in tre anni, è spesso un miracolo studiare Montale. Ci siamo così trovati di fronte a grottesche interviste a ragazzi che ridevano ammettendo di non conoscere per nulla Caproni.

Continue reading “Caproni, capre e amarezza”

Una battaglia senza vincitori. “Residenza Arcadia” di Daniel Cuello

Quando mio nonno è morto, la prima cosa che sua sorella ha detto è stata: “Io ora resto sola”. Era un giovedì di novembre e stavo facendo i compiti di matematica. Rimasi sorpresa dal fatto che la sorella del morto fosse più dispiaciuta per se stessa che per il fratello, ma il tempo passa e la conclusione dell’adolescenza ti fa comprendere meccanismi che solo pochi anni prima avresti ritenuto incomprensibili. Mi intristiscono la tristezza bieca e la rassegnazione maligna che la vecchiaia si porta appresso, quel terrore che ti assale all’improvviso dai sessant’anni circa, e ti spinge verso l’abisso. Invecchiare è come precipitare in un burrone e cercare, mentre ti si infila la terra sudicia sotto le unghie, di trovare un qualsiasi appiglio che ti faccia dire: “Non ho vissuto invano”. E di tutto questo disperato affanno, di questo terrore viscerale, non resta che un tonfo ed un corpo vizzo in fondo ad un crepaccio.

Continue reading “Una battaglia senza vincitori. “Residenza Arcadia” di Daniel Cuello”

Noi, figli della paura e del coraggio. La terra dei figli di Gipi

A novembre nascerà il figlio dei miei amichetti Emy e Marco. Avere dei figli è il modo naturale attraverso il quale l’uomo porta avanti la propria specie. Vero è che gran parte della vita dei genitori è dedicata a preservare la loro debole figliolanza tramite uno spaventoso numero di: “guarda prima di attraversare”, “allacciati le stringhe”, “mangia piano”, “non correre”, “prendi il golfino”.

Continue reading “Noi, figli della paura e del coraggio. La terra dei figli di Gipi”

Bojack uno di noi. Attendendo la quarta stagione di “Bojack Horseman”

Un vecchio motto giapponese dice che il mondo si divide tra chi ama alla follia la serie animata Netflix Bojack Horseman e chi non capisce nulla e merita solo di morire male. Cerchiamo di comprendere il perché di questa inconfutabile e veridica affermazione.

Continue reading “Bojack uno di noi. Attendendo la quarta stagione di “Bojack Horseman””