La letteratura può spostare le montagne. Intervista a Marco Peano

Ci sono dolori indicibili, tremendi, dolori con cui è impossibile convivere, dolori che semplicemente non puoi accettare. Sai che la tua vita non sarà più la stessa e la stessa irreversibile sorte – sei sicuro – toccherà anche al mondo, alla galassia, all’universo intero. Non c’è rimedio. A volte si pensa che solo il tempo allevierà il dolore. Eppure qualcuno non non è d’accordo e crede i romanzi, le storie, la letteratura qualcosa possano fare. La letteratura può alleviare il dolore e – come diceva David Foster Wallace – può spostare le montagne. Ecco l’intervista a Marco Peano, autore de “L’invenzione della madre” (minimum fax), finalista al Premio John Fante.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...