Cani nello spazio. Bubbles and Guts di Diego Lazzarin

 

Facciamo un gioco. Immaginate lo spazio immenso e sterminato e supponete di essere un cane. Il mio ha paura dell’aspirapolvere, della paletta per le mosche, delle luci di Natale, di Spotify che parte senza preavviso; deduco quindi che queste adorabili bestioline si spaventino in fretta. Pensate dunque di essere un cane parlante e fluttuante nello spazio: una profonda e persistente solitudine vi perseguita. Una veloce sbronza ed un’abbondante vomitata spaziale non possono migliorare la situazione. Se però tendete l’orecchio per un solo istante (l’udito dei cani è migliore di quello umano, ricordatevelo), potete udire una musica piuttosto tesa, che annuncia l’arrivo di un’entità assoluta, indefinita che, benigna o semplicemente curiosa, decide di scaraventarvi da qualche altra parte. Non vi è ancora dato sapere dove e cosa sia la nuova dimensione in cui approderete. Benvenuti in Bubbles and Guts.

Universi paralleli

Diego Lazzarin è un giovane artista che si è messo in luce grazie a cortometraggi, video musicali, illustrazioni e fumetti. L’indubbio valore dell’autore, basti pensare ad Aminoacid boy and the chaos order, consiste nella creazione di universi paralleli impastati di colori intensi, dal sapore un po’ underground-postindustriale- espressionistico, in cui dominano atmosfere oniriche, inquietanti ed allucinanti.

p1im1a.gif

Una web comic da non perdere

Bubbles and Guts è l’ultimo interessante esperimento di Lazzarin: si tratta di una web comic, ossia di un fumetto animato, interattivo e a puntate che potete trovare qui (http://www.bubblesandguts.com/). L’abilità sta nel saper intrecciare uno stile molto personale ed intenso con l’utilizzo disinvolto di musica e movimento, legato ad una vicenda che, sebbene agli inizi, promette bene. La caratteristica di maggior fascino è la compresenza e l’interconnessione di universi paralleli pervasi da un senso di inquietudine e violenza lacerante che potrebbe esplodere da un momento all’altro. Un demiurgo indecifrabile ed un cane impaurito, si giocano la partita dell’esistenza umana: il primo è avvezzo ad essere venerato, il secondo cerca di condurre un’esistenza almeno tollerabile. Tra i due scorrono innumerevoli mondi, l’onnipotenza e la miseria, il tutto ed il niente, la consapevolezza dell’assoluto e la tenera arroganza di poter essere sereni.

Lo spazio-tempo si lacera e tra carne viva e artigli un ribollio viene dal fondo delle viscere: c’mon, it’s bubble and guts!

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...