POKER D’ASSI – Film romantici

Avete presente quelli che vanno in giro col naso sempre per aria?
Quelli con gli occhi a cuore?
Che a volte sorridono senza motivo?
Quelli che, nonostante tutto, credono ancora che le nuvole siano palle di gelato?

Ecco, più o meno.
Questa lista è destinata voi, inguaribili romantici o romantici terminali!
Le migliori chicche sentimentali direttamente dal Vostro, et voilà:

  1. Love exposure (Sion Sono)

  2. Ferro 3 (Kim Ki-duk)

  3. Les amants du Pont Neuf (Leos Carax)

  4. La moglie del soldato (Neil Jordan)

Love exposure (Sion Sono)

Takashi Miike è un mestierante. Tarantino una vecchia zia. Bravi registi tutti e due, per carità, ma qui siamo su un altro pianeta. Parliamo di un regista sempre sopra le righe, un artista della provocazione, un poeta del parossismo, del gore, del softcore, della violenza gratuita; del comico grottesco; dei dialoghi e delle scene surreali. Parliamo di Sion Sono e del suo monumentale, ipercinetico Love exposure. Poema epico dell’eccesso e anche, a detta dell’autore di questa recensione, “la più bella storia d’amore di tutti i tempi dopo Romeo e Giulietta”. Apprezzarlo non è difficile: grattate via la patina di B-movie che lo riveste e scoprirete un film d’autore. E che film, e che autore!… Vabeh. Poi grattate la scorza di film d’autore e troverete il B-movie. E così via, all’infinito. Perché questo film, come gli orchi e le cipolle, è a strati. Molti molti strati. Volete vedere? Un trailer che vale più di mille parole: https://www.youtube.com/watch?v=5Fxa5NuVrqU.
Durata: 237 min.

Ferro 3 (Kim Ki-duk)

La più bella favola d’amore di sempre. Da vedere, appunto, come una fiaba. Puro e semplice.
Durata: 95 min.

Gli amanti del Pont Neuf (Leos Carax)

Altra epica, altro eccesso. Se nel complesso il ritmo della narrazione è, in puro stile Carax, discontinuo, si sprecano, sempre in puro stile Carax, le scene memorabili: il risultato è un’opera che trova la sua unità non tanto nella solidità di una struttura collaudata quanto nell’icasticità delle immagini, prorompenti in tutta la loro pirotecnica spettacolarità. Neh? Denis Lavant e Juliette Binoche da urlo. Vedetelo e innamoratevici.
Durata: 126 min.

La moglie del soldato (Neil Jordan)

Inizialmente pensavo di mettere Romeo e Giulietta di Zeffirelli (non un film imprescindibile, ma ci sono affezionato), per fare il paio col primo, poi mi son detto che no, non potevo sbolognare così facilmente la quarta posizione. E allora via, il film di Neil Jordan che ci ha fatto innamorare. Non esattamente un film d’amore, ma son proprio teneri, quei due (dico i protagonisti); Dil poi è fenomenale. Un thriller imbevuto di dolcezza. Mi è venuto in mente questo, magari voi avevate in mente altro.
Durata: 111 min.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...