L’Argentina torna a importare libri dall’estero

el-ateneo-grand-splendid

Il mercato editoriale argentino è uno dei più vivaci e fortunati al mondo. Come riporta ilpost.it, dai 16 mila titoli pubblicati nel 2004 si è arrivati ai 28 mila del 2014 (con circa 123 milioni di libri stampati). La capitale non poteva che, vista la situazione nazionale, essere l’emblema di questo stato dove sembra che a governare siano i lettori. Buenos Aires è la città con il numero di librerie pro capite più alto del mondo: 734 librerie su 2,8 milioni di abitanti, circa 25 ogni 100 mila abitanti. Nonostante la crescita, tuttavia negli ultimi anni il mercato editoriale ha subito l’effetto delle restrizioni, volute dall’ex presidente Cristina Fernández de Kirchner, circa l’importazione di libri stranieri. Non fu vietata l’importazione di libri dall’estero ma furono introdotti nel 2010 prezzi di trasporto altissimi e complessi procedimenti burocratici.

Con la salita al potere nel 2015 di Mauricio Macrì le cose sono cambiate: il Presidente ha subito abolito tutto ciò che poteva sfavorire la produzione di libri dall’estero. Le cose torneranno presto come prima.

Per approfondire:

http://www.ilpost.it/2016/01/25/mercato-editoriale-argentino-torna-essere-aperto/

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...