Illudersi, solo per gioco. “Vita con Lloyd” di Tempia e Rosati

lloyd

“Guarda Lloyd! Da quassù le mie preoccupazioni sembrano piccolissime!”

“Se vuole, sir, posso sganciare un’altra zavorra di doveri per alzarci ulteriormente”

E poi come torniamo giù Lloyd?”

Non si preoccupi, sir. Prima o poi la gravità di qualche situazione o anche solo la pressione lavorativa ci riporterà con i piedi per terra”

Ma ha senso Lloyd, salire per poi essere costretti a scendere?”

Dipende, sir”

Da cosa, Lloyd?”

Dalla capacità di godersi il punto di vista, sir”

Saliamo ancora, Lloyd”

Con estremo piacere, sir”

Se non dormi, ti alzi dal letto e poi?

Lo scrittore Simone Tempia una notte non riesce a dormire: si gira tra le coperte e maledice il sonno che non vuole arrivare. Una volta alzatosi dal letto, mentre pensa a Shining, mette per iscritto un breve dialogo che gli è balenato in mente. A questa conversazione ne seguiranno molte altre e ben presto avranno l’affiancamento grafico fisso di Jacopo Rosati e quello occasionale di altri noti fumettisti. nasce così “Vita con Lloyd”, una serie di brevissimi e brillanti dialoghi illustrati e pubblicati da Verticalismi, dopo il raggiungimento di più di 10.000 mi piace su Facebook.

Se non c’è quello che ti serve lo inventi

I personaggi in gioco sono due: Sir e il suo maggiordomo immaginario Lloyd. Il primo e’ incostante, ansioso, pieno di preoccupazioni ed incertezze. Lloyd e’ invece l’ancora di salvezza che permette a Sir di non affogare in un mare di pensieri, paure e preoccupazioni. Calmo e pacato, parla quasi solo per metafore inusitate, ma incredibilmente sagge.

Un mondo senza pietà

Basta aprire la finestra di casa per accorgersene: il mondo non è mosso da pietà o altruismo, non funziona nel modo migliore possibile e lasciarsi sommergere o calpestare e’ parecchio facile. Lungo questo orizzonte poco invitante procede sereno e tranquillo Lloyd, un po’ mamma e un po’ Alfred getta uno sguardo rapido, individua il problema di Sir e lo risolve, sfumandolo tra lieve ironia e profondità spensierata.

Un piglio leggero e profondo

Linee colorate semplici e nette si allungano sul fondo bianco: così prende vita, grazie a Rosati, il piglio leggero e profondo al tempo stesso di Sir. Ciò che prende forma non è la caoticita’ di un mondo frenetico e famelico, ma lo sguardo calmo, pacato e surreale di Lloyd che trasfigura un’esistenza sull’orlo della nevrastenia in un mondo essenziale, bianco e colorato, buono, piacevole e confortevole.

Solo per gioco

E’ indubbio che un maggiordomo come quello di Tempia e’ fatto di carta e colori, non di carne e ossa; e’ più proiezione mentale che realtà, più necessità che verità. Però, Mentre è impossibile non identificarsi con Sir, mentre la vita impazza, il mondo corre, le macchine superano gli uomini, per un momento, anche solo per gioco, solo su un foglio colorato, non e’ dannatamente bello evitare di essere sbranati dall’ansia e dal panico?

Va bene, Sir?

Potete leggere gratuitamente “Vita con Lloyd” qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...