Edoardo Albinati, “La stabilità è un mito”

Cos’è l’amore? Una forza incontrollabile che ci fa invaghire di una persona fino a perdere il senno o un legame talmente profondo da essere capace di legarci a qualcuno per tutta la vita? Tra le nostre facoltà c’è la capacità di amare una persona per sempre o la durata di una relazione dipende da sconosciute leggi alchemiche? Di questo e molto altro abbiamo parlato al Festival della Mente di Sarzana con Edoardo Albinati, che nel suo ultimo romanzo, “Un adulterio” (Rizzoli 2017), racconta una storia d’amore adulterino tra la giovane mamma Clementina e un attraente uomo di nome Eraldo, solitamente abbreviato in Erri. Albinati, vincitore nel 2016 del Premio Strega con “La scuola cattolica” (Rizzoli), ci racconta un amore passionale che porta i due personaggi su una bellissima isola del Tirreno, lontano dalle rispettive famiglie e dalla loro felice vita quotidiana.

Continua a leggere “Edoardo Albinati, “La stabilità è un mito””

Combattere per la pace è come scopare per la verginità

Ha senso sperare che le guerre scompaiano dalla faccia della terra? Che gli esseri umani smettano di ammazzarsi tra di loro? Secondo l’americano Elliot Ackerman la risposta è negativa a entrambe le domande, perché la guerra è un’attività prettamente umana, nessuna altra specie fa una cosa del genere, ha spiegato al Festival della Mente di Sarzana. Sa di cosa parla, Ackerman, che ha trascorso otto anni nell’esercito statunitense combattendo in Iraq e in Afghanistan. Poi ha dichiarato la propria pace separata e si è trasferito a Instanbul, da dove scrive per il New York Times, il New Yorker e pubblica romanzi. Nel 2016 è uscito per Longanesi Prima che torni la pioggia, dove ha raccontato l’esperienza in Medio Oriente. Di questi giorni è invece Il buio al crocevia, edito sempre da Longanesi, in cui Ackerman racconta la guerra civile in Siria. Sul volto ha un sorriso luminoso. L’ottimismo che lo pervade, nonostante tutto, è travolgente.

Continua a leggere “Combattere per la pace è come scopare per la verginità”

Io sono Michele Mari

Sto fumando una sigaretta in attesa dell’inizio dell’incontro. Mancano dieci minuti quando arriva Michele Mari. Lo saluto. Lui si ferma. Ci conosciamo vero? Gli ricordo che ho seguito un suo corso su Alfieri all’Università e l’intervista che gli feci qualche anno fa a ridosso della finalissima del premio Campiello. Era tra i cinque finalisti ma non avrebbe vinto, anche se forse lo avrebbe meritato. È stranamente cordiale. Mi chiede di ricordargli come mi chiamo, gli dico il mio nome e mi chiede qualche informazione. Non sa bene cosa stia per fare. Mi chiede quanto deve parlare e se c’è qualcuno a introdurlo. Gli dico quel poco che so ed entra. Addosso mi lascia un accenno di sorriso che mai gli avevo visto in faccia.

Continua a leggere “Io sono Michele Mari”

Tra fiamme e passioni estive: “Fronte del fuoco” di Michele D’Amore

Quando ho iniziato la lettura di questo libro, non avrei immaginato che potesse rivelarsi di così drammatica attualità. Non passa giorno infatti che non siamo bombardati dalle terribili immagini di enormi aree boschive del nostro Paese devastate dalle fiamme. Continua a leggere “Tra fiamme e passioni estive: “Fronte del fuoco” di Michele D’Amore”

Condividere porta verso l’alto. Geografie sul Pasubio 11-14/7/2017

Non sapevo bene che titolo usare per questo articolo; non sapevo nemmeno se scriverlo, l’articolo, perché pensavo sarebbe stato complesso. Ogni volta che torno da un viaggio, breve o lungo che sia, le immagini e le sensazioni attorno alle quali mi sono avvolta vorrebbero restare accucciate in me, protette, intonse, non ragionate, pure. Il racconto dell’esperienza è già un’esternazione: trasformare in parole ciò che si è vissuto, con il rischio che il significato venga percepito come diverso da quello che si voleva intendere. Continua a leggere “Condividere porta verso l’alto. Geografie sul Pasubio 11-14/7/2017”